CON I BAMBINI Fondo per il Contrasto della Povertà Educativa Minorile Bando Adolescenza

SOGGETTI AMMISSIBILI Le proposte dovranno essere presentate da partnership costituite da almeno due soggetti, capofila dovrà essere un’organizzazione senza scopo di lucro avente una delle seguenti forme giuridiche:

·      associazione (riconosciuta o non riconosciuta);

·      cooperativa sociale o consorzi di cooperative sociali;

·      ente ecclesiastico;

·      fondazione;

·      impresa sociale (nelle forme previste dal D. Lgs. 155/2006);

·      scuole del sistema nazionale di istruzione. Esclusi gli enti di formazione professionale

Si specifica che i capofila dovranno possedere i seguenti requisiti:

·      essere costituiti da almeno due anni;

·      aver presentato, nell’ambito dei due bandi pubblicati a valere sul Fondo, una sola proposta come soggetto responsabile;

·      avere preso parte, nell’ambito del bando “Prima infanzia” del Fondo, a non più di una proposta in qualità di partner;

·      avere sede legale e/o operativa nell’area territoriale di intervento.

Gli altri soggetti della partnership potranno appartenere al mondo:

·      del Terzo Settore e della scuola;

·      dei sistemi regionali di istruzione e formazione professionale;

·      delle istituzioni;

·      dell’università e della ricerca;

·      delle imprese.

Si evidenzia che è auspicabile il coinvolgimento di almeno un istituto scolastico.

OBIETTIVI DEL BANDO Il Bando si propone di promuovere e stimolare la prevenzione e il contrasto dei fenomeni di dispersione e abbandono scolastici di adolescenti nella fascia di età compresa tra 11 e 17 anni tramite interventi integrati ed azioni sistemiche volte alla creazione di presidi ad alta densità educativa che affianchino all’ordinaria attività delle istituzioni scolastiche l’azione dell’insieme dei soggetti che si occupano dei minori (comunità educante) e che sollecitino l’adozione di approcci di “welfare comunitario”.
ATTIVITA’ FINANZIABILI Iniziative rivolte ad adolescenti compresi nella fascia di età 11-17 volte alla prevenzione e al contrasto della dispersione e dell’abbandono scolastici soprattutto nella fase di passaggio da un grado all’altro del percorso educativo. In particolare le azioni progettuali dovranno prevedere ed integrare i seguenti elementi chiave:

·      promozione della scuola come attore centrale nel sostegno della crescita dei minori in sinergia con il Terzo Settore

·      cura degli spazi comuni per la sperimentazione di modelli positivi di utilizzo del tempo libero e di promozione della cittadinanza e della legalità

·      rafforzamento del ruolo degli attori coinvolti nel processo educativo

·      incentivazione di una maggiore responsabilizzazione delle famiglie.

Nello specifico le proposte progettuali potranno prevedere le seguenti attività:

·      implementazione dell’attività ordinaria delle istituzioni scolastiche e arricchimento dei percorsi educativi con l’affiancamento dell’azione della “comunità educante”, promuovendo percorsi formativi individualizzati, prevedendo azioni congiunte “dentro e fuori la scuola” e infine combinando attività scolastiche ed extra scolastiche;

·      sviluppo e rafforzamento delle competenze sociali, relazionali, sportive, artistico-ricreative, scientifico-tecnologiche, economiche e di cittadinanza attiva;

·      contrasto allo sviluppo di dipendenze e del fenomeno del bullismo;

·      potenziamento delle occasioni di integrazione degli adolescenti in particolari condizioni di svantaggio;

·      sviluppo nei giovani un nuovo senso di riappropriazione della scuola e, più in generale, del bene pubblico;

·      creazione di presidi ad alta densità educativa, che coinvolgano tutte le realtà sociali, a partire dalle famiglie, e le agenzie nell’ottica di un “welfare comunitario”

Per ogni ulteriore dettaglio sulle attività finanziabili a valere sul bando si rimanda al testo integrale.

ENTITA’ DEL CONTRIBUTO Lo stanziamento complessivo è pari a 46 milioni di euro.

Il bando prevede due massimali differenti a seconda della dimensione territoriale dei progetti:

·      progetti realizzati in una sola regione, contributo compreso tra 250 mila euro e 1 milione di euro; con un cofinanziamento massimo da parte dell’ente erogatore pari al 90% dei costi complessivi di progetto

·      progetti che insisitono in piu’ di una regione contributo compreso tra 1 milione di euro e fino a 3 milioni di euro; con un cofinanziamento massimo da parte dell’ente erogatore pari all’85% dei costi complessivi di progetto

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA Le proposte dovranno essere presentate esclusivamente on line, tramite il form presente sul sito CONIBAMBINI (disponibile a partire dal 7/11/2016)
SCADENZA Prima Fase: Presentazione delle idee progettuali 8 febbraio 2017.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...